Si può ottimizzare la Vendita con le Tariffe Opache?

Home > Gestione Revenue > Si può ottimizzare la Vendita con le Tariffe Opache?

Si può ottimizzare la Vendita con le Tariffe Opache?

Quando si parla di commercializzare la propria struttura ricettiva, si parla generalmente di vendita diretta o intermediata.

Ma come può diversificarsi la vendita cosiddetta intermediata? Attraverso quali e quanti canali? Ed è così che questa volta ho pensato di aprire un post dedicato alle tariffe opache… che cosa si intende?

Come spesso si è detto, la strada sarà sicuramente più veloce se ci si trova in una destinazione ben conosciuta ma può essere un aiuto poter contare sia sul proprio sito web ma anche su canali intermediari che possano garantirci una maggiore visibilità e potenziale aumento dei ricavi.

L’unico dettaglio però, e vale anche per le strutture extralberghiere, è calcolare le proprie potenzialità e mantenere il giusto equilibrio tra prezzo di vendita-occupazione: una struttura medio-piccola ha sicuramente esigenze diverse rispetto ad una struttura medio-grande che dovrà aumentare quanto più possibile le proprie opportunità di vendita.

Detto questo, quando si instaurano rapporti di collaborazione con i canali online occorre stare attenti alle proposte di commercializzazione che riceviamo. Ed eccoci quindi al punto cruciale: per una struttura medio-piccola, quanto possono convenire le tariffe opache?

Sia Booking che Expedia, tra le principali OTA a cui rivolgere la propria attenzione, propongono delle opportunità di aumento ricavi.

In questa occasione mi soffermo sulle tariffe opache (ovvero l’adesione al programma Package): sono delle tariffe nascoste che il canale propone ai suoi clienti in abbinamento ad altri servizi come il volo aereo, noleggio auto ecc. L’adesione a questo programma prevede uno sconto rispetto alla tariffa standard che proponiamo, è possibile che il cliente riceva una tariffa promozionale da un lato ma senza qualche servizio dall’altro (per esempio senza la colazione).

E’ anche possibile che il canale intermediario venda al buio, ossia il cliente acquista una tariffa conveniente ma senza conoscere tutti i dettagli della struttura (vedi tipologia, nome, categoria)

Il canale di riferimento ovviamente ti promette un aumento della competitività nel loro marketplace, offrendo una maggiore visibilità, ma in cambio richiede tariffe più convenienti… che cosa valuti sia meglio per te? Sei davvero sicuro che i tuoi ricavi possano aumentare aderendo ad iniziative aggressive??

Luisa Rellini
Follow me

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hospitality Travel & Tourism News