Quanti tipi di Contratti di Lavoro in Italia?

Home > Lavoro Hotel > Quanti tipi di Contratti di Lavoro in Italia?

Quanti tipi di Contratti di Lavoro in Italia?

Quanti tipi di contratti di lavoro ci sono in Italia? Potrei dire una marea e non sempre c’è una vera gran chiarezza.

Ma partiamo proprio dalla definizione:

Il contratto di lavoro è lo strumento fondamentale per regolare le attività lavorative, il mezzo utilizzato per stabilire i termini e le condizioni di impiego di un dipendente e le sue responsabilità.

Trattandosi di un accordo scritto tra le parti i contratti di lavoro dovrebbero sempre contenere :

  • tipo di lavoro da svolgere
  • dati del lavoratore
  • sede dell’azienda e luogo in cui il lavoratore dovrà svolgere il proprio servizio
  • retribuzione e benefici economici
  • termini e condizioni del rapporto di lavoro

Trattandosi di un accordo tra le parti, lo scopo primario è quello di tutelare entrambe le parti, entrambi sono responsabili di diritti e doveri. A sua tutela, il datore di lavoro potrebbe aggiungere nei rispettivi contratti accordi di segretezza e non concorrenza (situazione che si vive in molti ambienti di lavoro, incluso naturalmente quello turistico-alberghiero).

I contratti di lavoro possono essere di due tipologie:

  • subordinato
  • parasubordinato (intendendo con questa tipologia il classico lavoro a progetto, una via intermedia tra lavoro subordinato ed autonomo).

Tra le tipologie di contratti di lavoro subordinato più conosciute, elenchiamo i seguenti :

  • Contratto a tempo indeterminato
  • Contratto a tempo determinato
  • Smart working
  • Lavoro part-time (verticale, orizzontale o misto)
  • Contratto di apprendistato (fascia 18-29 anni)
  • Contratto di stage (o tirocinio)
  • Contratto di lavoro intermittente (o “a chiamata”) -> utilizzabile fino a 400 giornate lavorative nell’arco di 3 anni
  • Contratto di somministrazione
  • Lavoro in agricoltura
  • Lavoro stagionale.

Tra i contratti di tipo parasubordinato, possiamo invece elencare:

  • le prestazioni occasionali
  • la collaborazione coordinata e continuativa (co.co.co.)
  • il lavoro autonomo
  • il lavoro mediante le piattaforme digitali (in caso di etero-organizzazione o lavoro autonomo).

Per vostra, mia curiosità, se proviamo a contare il totale delle tipologie di contratti esistenti, si può arrivare fino ad 885… possibile? Mi ero fermata a 47…

Il senso di questa marea di tipologie contrattuali fu pensata alla scopo di rendere il lavoro quanto più flessibile e tutelato possibile.

Il lavoro è sempre lavoro, ma può essere gestito e tutelato sicuramente in modo diversificato. Mi viene per esempio da pensare ai contributi, permessi, ferie, malattia ecc ecc

I pro e contro possono sempre esserci, ma essere consapevoli di ciò che si accetta può essere importante. E la vostra esperienza?

Quanto ci differenziamo dal resto d’Europa?

Luisa Rellini
Follow me

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hospitality Travel & Tourism News