Le Nuove Abitudini dei Consumatori in Vacanza

Home > Tendenze di Mercato > Le Nuove Abitudini dei Consumatori in Vacanza

Le Nuove Abitudini dei Consumatori in Vacanza

Le nuove abitudini dei consumatori in vacanza, nel settore alberghiero come extralberghiero, sono andate ad evidenziarsi non solo negli ultimi 10 anni ma tanto ha influito il periodo post-Covid.

Realizzare in tempo quanto le cose siano e stiano cambiando, può rappresentare un modo positivo e proficuo per tutti gli operatori ed albergatori che intendono restare al passo con i tempi e soprattutto aggiornati con le tendenze del mercato, in continua evoluzione.

Oltre alle innovazini nel settore alberghiero, si evidenziano preferenze diversificate degli ospiti, tanti progressi tecnologici, evoluzioni del design e nelle strategie operative.

Per restare competitivi e continuare a soddisfare le nuove abitudini dei consumatori in vacanza, occorre continuare ad analizzare le tendenze… un rapido sguardo:

  • sostenibilità
  • saper customizzare, ogni ospite ha le sue esigenze e non mancano di certo coloro che lo evidenziano in fase di prenotazione
  • intelligenza artificiale che oramai fa parte del nostro quotidiano e sarà sempre più invadente (vedi altri Paesi ben più evoluti di noi nell’adottare le nuove tecnologie)
  • automatizzare i sistemi delle camere, vedi i vari dispositivi impostabili autonomamente
  • servizi per il benessere
  • offrire servizi ecologici, come il noleggio di biciclette o di veicoli elettrici al posto delle auto (contro l’emissione di carbonio e verso una forma di turismo sostenibile ambientale e sociale
  • spazi per il coworking
  • esperienze locali, attività diversificabili per destinazione e sue peculiarità
  • reciclare e ridurre al minimo i rifiuti, sempre per ridurre quanto più possibile gli sprechi
  • modificare il menu e l’approvvigionamento alimentare a favore dei prodotti di provenienza locale
  • eliminare l’uso di prodotti tossici, incentivando l’utilizzo di prodotti biologici per la gestione delle pulizie locali e camere

Da un’indagine risalente al 2022 condotta da Future4Tourism, nel periodo luglio-settembre, gli Italiani sono propensi a viaggiare ma si registra un incremento dei weekend brevi, piuttosto che di quelli lunghi.

Gli Italiani evidenziano una riduzione dello shopping, diminuzione dei giorni di vacanza, scelta di periodi meno costosi e riduzione della frequentazione di bar e ristoranti (fonte: Horeca ChannelIT)

Adoperando pratiche socialmente responsabili nel turismo, si può contribuire a un futuro più equilibrato e rispettoso dell’ambiente. Il concetto di sostenibilità va oltre il riciclaggio o la riduzione dell’uso dell’acqua, in quanto comprende un approccio globale alla sostenibilità alberghiera che include la riduzione dell’impatto ambientale, il miglioramento della gestione dei rifiuti e il coinvolgimento della comunità locale, offendo, allo stesso tempo, esperienze eccezionali agli ospiti.

In questo, il Glion Institute of Higher Education si pone l’obiettivo di offrire ai suoi studenti l’expertise di pratiche sostenibili per gli hotel necessaria per una carriera gratificante nel settore dell’ospitalità.

E la vostra esperienza? Quanto è sostenibile la vostra offerta?

Luisa Rellini
Follow me

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hospitality Travel & Tourism News