Twitter come strumento di Marketing Online

Se pensiamo ad un social network per fare marketing online, il primo che ci viene in mente è sicuramente Facebook. Questo accade perché Facebook è stato il primo canale social a diffondersi in modo massiccio in Italia: oggi, infatti, conta circa 25 milioni di utenti, una cifra significativa, soprattutto se lo si vuole utilizzare per promuovere il proprio marchio.

Tuttavia, anche Twitter si difende bene: le ultime stime ci parlano di circa 13 milioni di utenti – sempre sul territorio nazionale – per cui è bene prenderlo in considerazione per le proprie campagne promozionali nel mondo digitale.
Oltre al numero di utenti, l’importanza di Twitter è data anche da alcune sue caratteristiche, che lo rendono pratico ed efficace per un brand (un’azienda, una figura professionale, ecc..) che desidera farsi conoscere. Ecco alcuni passi da seguire per iniziare a prendere in considerazione di lanciare i propri tweet.

La bio, fondamentale
Per partire con il piede giusto dobbiamo curare il nostro profilo, poiché è la nostra presentazione nel mondo virtuale. Perciò questo deve rispecchiare il nostro modo di lavorare e i nostri valori e trasmettere un’immagine chiara di noi.

Tutto questo viene completato anche dal logo e dall’immagine di copertina, in linea con quanto detto nella biografia. La prima impressione conta moltissimo nel mondo virtuale, dove tutto è più rapido e a portata di click.
Per renderci maggiormente visibili nei motori di ricerca, un’ottima mossa è inserire nella nostra biografia gli hashtag con cui le informazioni personali vengono diffuse, favorendo così gli utenti.
Twitter, inoltre, aumenta le sue potenzialità se “agganciato” al nostro sito web oppure al nostro blog; inserendo i relativi link nella biografia, il canale social diventa una vera e propria finestra di dialogo diretto, che amplifica i contenuti del nostro portale e del nostro blog, e consente un aumento di traffico verso le nostre pagine web.

Il piano d’azione
Per servirci di questo social network in modo efficace, dobbiamo averne ben chiare le peculiarità e, soprattutto, avere un piano d’azione, per muoverci in modo mirato e allo stesso tempo con flessibilità. È vero che è necessario gestire le pubblicazioni ed avere un programma di ciò che vogliamo proporre ai nostri followers, ma è comunque importante mantenerci autentici e spontanei. Anche se comunichiamo attraverso la rete, si percepisce quando qualcosa è un po’ troppo forzato o artificioso. E questo non porta nuovi followers, né tantomeno aiuta a rafforzare il rapporto con quelli che già abbiamo.
Ricordiamoci, infatti, che con Twitter interagiamo in maniera diretta con gli utenti, per cui possiamo avere un riscontro immediato dell’apprezzamento o meno di ciò che abbiamo pubblicato. Questo ci permette di capire cosa il nostro pubblico desidera o preferisce e poter così studiare al meglio una campagna di marketing efficace, pubblicando argomenti affini e in linea con le richieste.
Uno dei nostri obiettivi finali è instaurare un legame con i lettori e, per farlo, bisogna fornire contenuti di valore e ascoltare chi ci segue. Twitter è un dialogo continuo, non un monologo fine a se stesso. Per questo è importante mostrare la propria presenza concreta, rispondendo alle richieste o ai messaggi che seguono ad un nostro tweet.

I contenuti
Una delle caratteristiche fondamentali di Twitter è proprio la comunicazione in tempo reale. Un tweet richiede al massimo 140 caratteri, compresi eventuali link ad articoli, video o immagini di approfondimento, per cui il suo utilizzo come “voce immediata” o “notizia flash” cattura l’attenzione degli utenti e dialoga istantaneamente con loro. Pubblicare con una certa frequenza, anche giornaliera, durante la nostra campagna di marketing manterrà il focus costante sul nostro brand.
Per muoverci in questa direzione, dobbiamo curare anche la qualità dei contenuti: il nostro scopo è invogliare gli utenti a diventare nostri followers, retwittare i nostri messaggi e visitare la nostra pagina web. Cerchiamo, quindi, di capire quali sono gli argomenti di interesse e quali opinioni del nostro brand ci sono tra gli utenti, per trovare il tema o l’idea giusta con cui partire. Così facendo, favoriamo la condivisione di contenuti, che ci permetterà di diffondere il nostro marchio anche al di fuori del nostro canale, con il conseguente incremento di visitatori al sito.

Il monitoraggio della campagna marketing
Twitter è un ottimo strumento per fare marketing online grazie al monitoraggio delle attività. Ci sono diversi tools che ci permettono di seguire l’andamento del nostro canale e delle nostre azioni. Alcuni sono gratuiti, altri sono invece a pagamento; la loro scelta dipende sempre dal tipo di monitoraggio che vogliamo avere e – elemento non indifferente – dal budget che abbiamo a disposizione. Sicuramente possiamo cominciare con Twitter Analytics, che consente di vedere i dati statistici del social network, e magari con Topsy, uno strumento validissimo per conoscere le analisi sugli hashtag, gli utenti e le tendenze del momento. I mezzi sono i più svariati, basta scegliere quello che più si adatta alle nostre esigenze.


Ringraziamo per questo rilevante contributo Gloria Zaffanella, Guest Blogger per l’occasione, Public Relation Manager di Stampaprint S.r.l., azienda leader in Italia nel settore della stampa online. Dopo una carriera nel Print Marketing, Gloria ha studiato le dinamiche del search engine marketing per approfondire le molteplici opportunità di un loro utilizzo congiunto.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.