Review Sites : rivendica la tua pagina e reputazione

Review sites – quanto utile? Eccomi qui… Ancora una volta a dire la mia sul tema Hospitality e soprattutto gestione reputazione

Ho notato che le tematiche sul tema gestione alberghiera, scelta dei canali di distribuzione, aprire un hotel e/o documentazione necessaria ecc ecc siano tra quelli maggiormente letti e , oltre ad esserne particolarmente colpita (dato che questo “diario di vita quotidiana” iniziò quasi per caso, solo per raccontare un pò delle mie opinioni ed esperienze maturate), leggendo qua e là ho pensato che un argomento che viene trattato tanto ma forse ancora poco valorizzato è proprio quello della gestione recensioni e della ricerca sul Web dei vari c.d. Review Sites dove è possibile ritrovare la propria struttura già inserita da qualcun altro che non faceva parte del nostro staff…mai successo?

In particolare questo capita molto con Siti tra i più noti e smaneggiati quali Tripadvisor...ma non è l’unico perchè se vi ponete come obiettivo la ricerca mirata del vostro brand a giro per il Web è possibile che vi ritroviate su altri canali quali per esempio Yelp, Qype (usato molto in Germania), Zoover…

Domanda : a che serve rivendicare la propria pagina?

Beh, io penso che sia un modo per non lasciare al caso o ai commenti altrui ciò che ci riguarda in prima persona…tutto ciò che si gestisce direttamente è più facilmente comprensibile e manovrabile, il resto può essere a nostro favore o meno…tanto vale prevenire anzichè correre ai rimedi in ritardo, nooo?

Mi rendo conto come non tutti siano interessati a questo argomento ma alla fine ciò che veramente conta è ciò che fa o vuole il nostro potenziale cliente e, a prescindere dalla nostra volontà, è molto spesso necessario seguire semplicemente le tendenze del mercato per non restare indietro…

Quali sono le tendenze? Buasta guardarsi attorno per realizzare come il mondo intorno a noi è sempre più con lo smartphone in mano e le varie app scaricate e dalle quali provengono le varie ricerche e poi richieste…quindi il cliente ci cerca, trova, manda la richiesta e magari prenota…soggiorna e poi racconta la sua…tutto ciò avviene con ca l’ 85% dei travellers…basta guardiate da quale risorsa vi ha cercato il vostro potenziale cliente 🙂

Lo stesso Tripadvisor ha integrato la sua app con Facebook in modo che tutti possano interagire, commentare ecc ecc…Quindi, partiamo all’attacco!

Avrete notato come su canali come Booking non si possa replicare all’eventuale disguido o disappunto del cliente ma molti altri canali invece, tra i quali uno dei più noti è proprio Airbnb, ha modificato le condizioni iniziali ed oggi pubblica il commento del cliente solo se anche l’host ha risposto o viceversa…un bel botta e risposta che ha però anche il suo rovescio della medaglia…nel senso che l’host legge ciò che pensa di lui il suo cliente una volta che anche lui ha già detto la sua e solo in un secondo momento può eventualmente aggiustare il tiro rispondendo nuovamente e pubblicamente al suo cliente al quale naturalmente non potrà dire “ma cosa dice Lei?” se un minuto prima aveva detto rose e fiori…

Ora si presume che i toni debbano essere sempre gentili e pacati perchè si risponde non a quell’uno ma a quei potenziali futuri clienti che leggeranno di noi e del nostro modo di trattare col pubblico…anche questo rientra nella Sales strategy che dovrete adottare per aumentare in visibilità e buona reputazione…Il tutto sempre e solo finalizzato ad un miglioramento oltrechè aumento occasioni di vendita…

Anche se non ci crediamo alla fine tra Buzz, WOM (word of mouth) e paroline magiche o meno si osserva come l’andamento delle nostre vendite migliori o crolli rovinosamente…basta pensare che “nulla capita per caso ma al contrario miglioriamo, imparando dagli errori” 😀

Alla prossima!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.