Lavoro in Hotel e Turismo in Italia

Quanto può essere gratificante il lavoro in hotel? E quanti effettivamente lo scelgono per reale motivazione?

Grazie all’interesse dimostrato verso alcuni argomenti che tratto, relativi quasi sempre al mondo alberghiero, ho pensato stavolta di aggiungere qualche dettaglio per motivare la scelta di entrare nel mondo dell’Hospitality!

  • Anzitutto potrei dire la buona probabilità di una posizione lavorativa, specie nei reparti di contatto con il pubblico.
  • Scegliere di imbarcarsi in questo settore significa rinunciare a qualcosa naturalmente, perchè si lavora bene quando gli altri sono in vacanza, significa rinunciare molto frequentemente ai week-end (ahimè), alle ferie estive nei mesi in cui tutti partono…a volte, quando lo stress raggiunge il Top, si arriva a pensare di vivere per il lavoro e non viceversa…ma, c’è anche un ma 🙂
  • I vantaggi e le soddisfazioni, i guadagni e l’esperienza unica, si impara soprattutto a contenere il proprio ego (o perlomeno lo si DEVE fare…prima o poi), si impara a comunicare con chiunque ed in qualunque Lingua e modo, si richiede flessibilità in tutti i sensi…chi sceglie questo mestiere ha una vera e propria mission…impossible?
  • Ma noooo, basta trovare il proprio “modus vivendi
  • Da cosa è data la probabilità di trovare nuove occasioni in questo mercato? Dalle statistiche : il settore Turistico-alberghiero è uno di quei comparti economici dove ancora si registra un discreto andamento del flusso turistico. Leggendo appunto un articolo relativo al nostro incoming pubblicato dall’Osservatorio Nazionale del Turismo, proprio il biennio 2013-2014 sembra essere positivo sotto molteplici aspetti (a mio modesto parere quest’anno si prospetta migliore del precedente, complicato per vari motivi).
  • Pensate che solo puntando sul mercato tedesco ci frutta una quota del 22% del totale (secondo le stime, ben 12 milioni di turisti Tedeschi amano il nostro territorio da Nord a Sud e tornano a visitarlo…)
  • Gli USA, al 2° posto per arrivi in Italia, è tra i primi 10 il Paese con maggiore potenziale di crescita…
  • Seguono in ordine Francia, Regno Unito, Austria, Svizzera ed Olanda…
  • Il trend di crescita lo si prevede anche per turisti provenienti dal Giappone, Paesi dell’America Latina ecc ecc
  • Per Tripadvisor, l’Italia è il 1° Paese per fatturato in Europa! Mica poco, no?
  • Le statistiche positive ci fanno ben credere come il nostro Bel Paese non sia stato dimenticato ma, nonostante i momenti difficili nonchè costi non sempre ragionevoli, sia sempre ricercato tra le principali destinazioni europee e degno di visita e ritorno (perchè è importante anche questo).
  • Tutto ciò che produce benessere, aumenta le possibilità di crescita e fortuna sotto molteplici aspetti e se non ci si irrigidisce nel pensare che la vita non è statica ma anzi in un continuo divenire e trasformarsi, si troveranno sempre nuove occasioni di sviluppo ed aumento proprie competenze…
  • Ciò che spesso noto è come le Lingue non siano ancora considerate un punto di forza ma solo un qualcosa che in qualche modo si deve conoscere…ora, lasciando perdere il mio ormai noto fanatismo, credo invece che il poter e saper comunicare in più di una Lingua straniera allarghi i confini e ci renda incredibilmente open-mind e pronti ad esperimentare un mondo di cose che magari fino a 10 anni fa non sognavamo neanche.
  • La conoscenza e curiosità sono naturalmente alimentate da un continuo quanto costante aggiornamento e studio…questo vale per tutti gli ambiti lavorativi d’altronde.
  • Quindi, che dire di più? Se molte cose sono probabilmente improponibili come progettare una sorta di Booking engine nazionale per aumentare la disintermediazione (proposta tanto generosa quanto, per ragioni di informatizzazione non proprio perfetta e brillante del sistema nazionale, credo proprio irrealizzabile ), dall’altro si può fare moltissimo perchè questo settore migliori le proprie performance dando così respiro sia agli investimenti sia naturalmente ai vari operatori che hanno sacrificato tanto per offrire un servizio quanto migliore possibile…Per esempio : un passo verso la modernizzazione del sistema potrebbe essere un forte abbattimento di questa incredibile quanto inutile burocrazia…quanta carta sprecata, tutto cibo per i “pesciolini” (avete presente quegli animalini che godono delle tante carte e cartine che produciamo in quantità industriali?).
  • Solo il modo antiquato di fare check-in è spesso motivo di risa da parte dei nostri ospiti…o il famoso modulino di richiesta autorizzazione al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/2003 …vi siete mai chiesti come mai poi magicamente i nostri dati compaiano in mille Database ed anagrafiche anche senza aver dato l’OK? … Alla prossima!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.