Hacking in Hotel…come paralizzare l’attività alberghiera

Il fatto avvenuto recentemente in un Hotel del Triveneto ha ispirato la mia creatività e voglia di commentare ed insieme raccontare quanto sia dannoso l’ attacco informatico sui sistemi di qualsiasi comparto economico!

In breve : l’incredibile vicenda capitata alcuni mesi fa in un Hotel del trevigiano che si è ritrovato letteralmente paralizzato nel suo lavoro quotidiano ordinario a causa di un attacco hacker che ha bloccato il gestionale e con ciò tutta l’attività amministrativa (dalla gestione prenotazioni alla contabilità)…immaginate il completo disagio che si può vivere visto che ormai qualsiasi attività è interamente informatizzata ed aggiungo che non è ancora la norma autotutelarsi attraverso backup giornalieri o settimanali (per non perdere neanche un dato) nonchè azioni forti anti-phishing ed anti-virus

I dati sono stati crittografati e sapientemente archiviati in modo da poter esigere un riscatto del valore di $ 50.000 e scambiando le richieste attraverso un indirizzo email indonesiano…

Gli attacchi informatici sono una vilissima azione che, perlomeno nel Triveneto, avviene sempre più spesso : basti pensare che fino a 4 anni fa se ne ravvisavano all’incirca 4 all’anno mentre oggigiorno ne vengono denunciati anche 1 a settimana…

Pare infatti che l’alta concentrazione di questo tipo di reati dipenda, o perlomeno è ciò che viene sostenuto, dall’alta concentrazione di piccole e medie imprese in quella zona e soprattutto dal timore (se possiamo chiamarlo così) dei danneggiati di denunciare per evitare problematiche di altro genere con la propria clientela.

Tutto è lecito però, a mio modesto parere, se non si vuole apparire vulnerabili agli occhi dei propri clienti si deve allora provvedere diversamente per cercare almeno di scongiurare il più possibile un sabotaggio…non c’è nulla di assolutamente sicuro ma specie se si svolge un’attività imprenditoriale cercare di utilizzare tutti gli strumenti disponibili sul mercato per ripararsi al meglio…
Che ne pensate?

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.