Destinazione Turistica : da cosa dipende la scelta finale?

Parliamo sempre degli effetti potenzialmente dannosi di Tripadvisore delle recensioni che si presume siano vere o false ma la domanda stavolta si volge verso un altro argomento…vi è mai capitato di aprire o di partecipare ad una sorta di sondaggio su TA per conoscere attraverso un Forum le tendenze delle persone nella scelta di una destinazione turistica?
Già perchè il potere di coinvolgimento esercitato da Tripadvisor va ben oltre la recensione benevola o meno verso una destinazione, struttura ricettiva o ristorante dove le nostre aspettative sono state deluse o viceversa soddisfatte alla grande!
Il quesito mi è venuto così, in modo spontaneo, pensando semplicemente a cosa ci porta verso una località anziché verso un’altra…
In fondo non siamo tenuti a seguire sempre e solo i suggerimenti di amici, parenti e conoscenti.
Il passaparola è sicuramente una buona valvola nonché i giudizi espressi attraverso i Social Network (e sicuramente il primo che viene in mente è Facebook ma invero per fare una sorta di analisi di mercato andrebbe maggiormente utilizzato Twitter che personalmente è anche il mio preferito) ma andiamo oltre…
Se analizziamo brevemente Tripadvisor : costui è nato come un portale web di viaggi, che pubblica le recensioni degli utenti riguardo hotel sparsi nel mondo, ristoranti ed attrazioni turistiche…nonchè le c.d. Strutture ricettive paralberghiere (CaseVacanze ecc ecc)
Ciò che la maggioranza delle persone non apprezza forse, specie se esercenti, è che la pubblicità negativa che può derivare da questo portale è anche quella che a lungo termine vi può far chiudere i battenti…siete davvero certi di questo dettaglio?
Io dissento tanto da questa valutazione generalizzata, perchè se questo portale è cresciuto in modo così esponenziale non è solo e sempre per le recensioni scadenti ma anche perchè rappresenta un valido diario di viaggio per i consumatori che se possono trovare buoni consigli non è detto che ascoltino sempre e solo le cattive recensioni mentre, al contrario, se su una destinazione o struttura vengono espresse spesso valutazioni ottimali, porterà tanto valore aggiunto e credibilità nei servizi offerti!
Analizziamo il punto per capire la ragione di tanto successo : questo portale comprende oltre 200,000 Hotel ed attrazioni turistiche e più di 30,000 destinazioni nel mondo…
Perchè le recensioni dei viaggiatori vengano approvate bisogna comunque rispettare una serie di linee guida (parola di contributore esperto)…
Perchè Tripadvisor è diventato un fortissmo influencer?
Perchè grazie al suo servizio raccoglie qualcosa come 35 milioni di recensioni e ben 29 milioni di visitatori al mese…non male come numeri, no? Fa girare la testa..
Grazie a queste stime ed al lavoro di marketing territoriale operato da loro, capirete bene quanto può essere coinvolgente ed influenzante l’opinione letta o espressa tramite questo mega Database…
Quello che ho appreso nel corso del tempo grazie a tante letture e partecipazione in Fiere del Turismo è che una buona Web reputation porta visibilità globale ed in questo Mr. Tripadvisor può contribuire non poco al nostro business o a quello di una destinazione!
Come sempre si dice è vero che ognuno di noi è unico ed indivisibile e teoricamente non condizionabile ma certo che opinioni discordanti possono causare dubbio e quindi nell’incertezza valutare per la scelta finale verso quella destinazione o struttura, mentre un insieme di opinioni negative porta sicuramente a conseguenze dannose ed a un danno di immagine non così facilmente risolvibile attraverso analisi accurate di opinioni via Social media, Forum, Blog e quant’altro sulle cause scatenanti…
Il troppo negativo è spesso e purtroppo sinonimo di poco affidabile e come sempre si dice : quanto pensate conti la gestione delle reviews? 
Migliora ed accresce la reputazione online e porta a nuova visibilità. Una forma di customer care…io ne sono convinta e voi?
Alla prossima!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.