Come usare i Social media per vendere?

Questa volta ho pensato di dedicare un post ad un Social media che mi piace molto ma che gira anche su alti numeri… Instagram e le tante applicazioni che sono perfettamente integrate.

La scelta di questo canale non è per nulla casuale ma dato che si lavora soprattutto via statistiche e, come già ripetutamente dichiarato, ben l’85% dei travelers tende ad utilizzare il proprio smartphone per avviare ricerche online e per procedere con la prenotazione di un volo/ treno/ ristorante/ sistemazione, allora perchè non utilizzare al meglio gli strumenti che possono tornare a nostro favore?

Comunicare il proprio prodotto attraverso le immagini che devono però rispondere a specifiche caratteristiche perchè producano l’effetto desiderato…ovvero attenzione, interesse, desiderio fino alla potenziale acquisizione (A.I.D.A. Acronimo utilizzato in Marketing e advertising atta a descrivere una lista comune di eventi legati al comportamento di un potenziale consumatore )

Diciamolo, prima o poi si finirà per impazzare a furia di star dietro a tutte ste cosine però se invece ci si prende gusto, si può scoprire un modo meraviglioso di creare engagement attraverso il Digital marketing

Perchè Instagram? Per le sue potenzialità nel comunicare il prodotto. Solo in Italia risultano ben 4 milioni di utenti registrati di cui 2 milioni presenti attivamente…Ogni giorno vengono prodotte una media di 40 milioni di immagini…

Che dire…WOW!

Non a caso, considerata la viralità, da tempo strutture ricettive ed altro tipo di attività ci lavorano su creando Contest fotografici di vario tipo…

Per dare una breve quanto veloce descrizione : Instagram è un’applicazione gratuita pensata per scattare e/o pubblicare foto, applicare filtri, condividere per i vari Social Networks. Inizialmente disponibile solo su Computer (peraltro con funzionalità limitate), progettata per i mobile devices (tablet, smartphone, iphone, ipad etc)… direi perfetta per tutti coloro che desiderano coinvolgere il proprio pubblico con brevi scatti di qualsiasi piccolo dettaglio intorno al proprio Brand.

Registrarsi ed inserire una breve Bio è piuttosto veloce, il bello viene dopo…ovvero come interagire ed attraverso quali sistemi o immagini da preferire.

Bon, aggiungerei che non è sufficiente inviare immagini ma per ogni immagine deve costruirsi una storia legata al proprio brand. Per ogni immagine si possono inserire una lista sensata di hashtag (naturalmente si può captare quelli che sono più trendy, che hanno maggiore seguito…attraverso una serie di canali dove vengono elencati per valore aggiunto i c.d. Top #hashtag)

Geolocalizzare ogni immagine, perchè? Per essere più facilmente trovabili, individuare il proprio target, rappresentare un punto di riferimento per potenziali clienti, creare pubblicità mirate al potenziale target…non è solo rendere la vita più facile ai nostri utenti.

Creare mini video, della durata di 15 secondi…che sembra poco ma basti pensare ai tempi di una pubblicità per realizzare che in fondo si ha il tempo sufficiente per catturare l’attenzione del pubblico. Sapevate che secondo il metodo PNL (programmazione neuro-linguistica) per catturare l’attenzione e convincere di restare abbiamo a disposizione solo 8 secondi?

Ma avete anche notato come, una volta ottenuto l’interesse, sembra quasi che il nostro pubblico aspetti ansioso gli aggiornamenti quotidiani ? Come dire “che ci racconti oggi?”

Comunicare attraverso storie più o meno lunghe…in che Lingua? C’è chi scrive bilingue, ma anche in questo caso tenderei ad utilizzare la Lingua che può servirmi maggiormente per creare più attenzione! Se scriviamo in una Lingua poco parlata, automaticamente si può escludere un vasto pubblico che si limiterebbe a guardare senza interagire…Ma dato che su Instagram c’è la possibilità di interagire attraverso i commenti, direi che è sufficiente osservare da quale target riceviamo maggior interesse ed attenzione, chi inoltra il nostro post per image, chi ci scrive per ricevere magari più info…per capire verso chi rivolgersi maggiormente.

Vendere attraverso le immagini deve seguire una serie di Step :

  1. Produce un effetto immediato su ciò che il prodotto ha da offrire e quanto ci piace…
  2. Offrire un valido motivo per arrivare all’acquisizione, utilizzando immagini di qualità…scelte nei dettagli…
  3. Fattore emozionale : ovvero suscitare nell’utente quel sentiment che lo porta magicamente a dire…”Sì, lo voglio!” (poco importa se una vacanza da sogno, una camera superior, o un cheeseburger con patatine 😀 L’obiettivo di una foto deve essere quello di ispirare, suscitare, creare engagement, provocare, intrattenere, informare …e tanto altro…
  4. Storytelling : ovvero raccontare la propria destinazione , oltre al proprio brand, attraverso una serie di immagini che creino curiosità e quel valore aggiunto che ci distingua…
  5. Creare aspettativa : inutile proporre immagini di qualcosa che poi nel reale non esiste o quasi, no? Abbastanza inutile quindi utilizzare super mega programmi di graphic design per presentare immagini stellari…
  6. Comunicare uno stile di vita : perchè no? Ovvero un più o meno semplice modo di dare un motivo in più per scegliere la nostra struttura e destinazione anzichè una qualsiasi altra…una forma di marketing esperienziale?
  7. Creare Desiderio è alla base della scelta finale e su questo dobbiamo giocare…

Che altro dire? Il potenziale Instagram non si ferma…pensate solo alle varie app compatibili ed utili per condividere ed interagire, per creare promo e Contest…In fondo se l’era del Web 3.0 significa esserci tanto, con buona perseveranza e costanza si raccolgono anche i frutti…

Alla prossima !

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.