Come calcolare i ricavi di vendita?

Come calcolare i ricavi di vendita, per meglio capire il nostro reale profitto e spese sostenute o da sostenere? Ebbene questa domanda mi è stata posta recentemente ed allora ho pensato di indicare un piccolo vademecum che può essere utile a mio parere per le strutture medio-piccole che tendono spesso a non usufruire della c.d. intelligenza artificiale basandosi principalmente su quanto la memoria umana può ricordare… ma questo sistema troppo “casalingo” è davvero così proficuo nel corso del tempo, man mano che aumentano le prenotazioni ed i profitti?

Ma cosa si intende per ricavo?

Il ricavo, in Economia aziendale è l’utilità economica che un’impresa crea attraverso l’attuazione del processo economico imperniato sulla vendita di un quantitativo di beni e servizi. Ha come proprietà di essere variabile.

Poichè il ricavo è per il venditore quello che per l’acquirente è il prezzo, esso come definizione corrisponde alla somma di profitto (o guadagno) e costo sostenuti per produrre il bene o servizio procurato.

Così per mia esperienza ed aiuto concreto alle strutture che seguo, ho pensato di realizzare degli utili modelli excel che perlomeno ci possono supportare nel controllo ed analisi reale di quanto succede intorno alla struttura…

Alcune domande da porsi per impostare la propria strategia di vendita :

  • Chi siamo e cosa offriamo
  • Punti di forza e debolezza della nostra struttura
  • A chi ci rivolgiamo
  • Cosa comunichiamo ed in che Lingua
  • Che obiettivo abbiamo

Ma anche valutare altri utili dettagli per capire la dinamica delle nostre vendite :

  1. Chi sceglie la nostra struttura e perchè
  2. Cosa piace e non piace della nostra struttura
  3. Cosa migliorare e perchè
  4. Chi è il nostro cliente-target
  5. Provenienza del nostro target – tempistica delle prenotazioni

Anche le strutture piccole devono seguire alcuni step utili per migliorare le rispettive performance ed aspirare ad aumentare quanto producono.

Capire chi ci sceglie e perchè, ci aiuta ad impostare meglio le nostre vendite ed i tempi per impostare o meno offerte e/o promozioni.

Ma oltre questo passaggio, anche analizzare la % delle nostre vendite e provenienza tra clienti diretti ed intermediati. Per fare un piccolo esempio pratico, allego immagine

Per coloro che magari pensano che possa essere una perdita di tempo, io invece penso che possa aiutare nel lavoro quotidiano oltre ad essere un esercizio quotidiano molto veloce da svolgere. E ci può certamente aiutare a calcolare quanto abbiamo incassato, quanto il reale profitto, quanto pagare in percentuale all’incassato. Tutto sta nel crearsi una griglia con un numero di colonne in base a quanto si vuole analizzare nonchè impostare la formula per calcolare il totale via via che entrano nuove prenotazioni :

  • Data arrivo (potreste anche aggiungere una nuova colonna per indicare la data di partenza per analizzare la durata media notti)
  • Data di prenotazione : quanto tempo prima è stata effettuata la prenotazione? Cliente italiano o proveniente da quale Paese? (a seconda della provenienza geografica, cambiano le abitudini di acquisto)
  • Nome cliente – e canale di vendita di provenienza o sito web (può migliorare la visualizzazione scegliere un colore diverso per tipologia clientela)
  • Prezzo pagato dal cliente
  • Prezzo netto incassato
  • Totale

A seconda della struttura, anche se medio-piccola, non seguire un modello ordinato di calcolo per sapere quanto dichiarare a fine anno, può diventare un incubo… che ne pensate?

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.